Home > Articoli > Fotografia immersiva - Introduzione

 

Fotografia immersiva - Introduzione

 

Argomenti trattati:

  • Introduzione
  • Elenco articoli ed argomenti trattati
  • L'immagine di partenza ...e di arrivo
  • Gli otto scatti di partenza
  • Le facce del cubo
  • La creazione dell'immagine virtuale
  • Conclusioni

 

 

Introduzione

L'articolo proposto costituisce l'introduzione ad una serie di articoli che ho deciso di pubblicare nelle prossime settimane, che avranno come oggetto la creazione di fotografie immersive.

L'approccio che ho deciso di seguire nel corso di questi articoli è quello di accompagnare il lettore in tutte le fasi di creazione di una fotografia immersiva, dalla scelta della posizione del cavalletto, al salvataggio dei file, dalla giunzione delle immagini alla creazione di filmati in versione Adobe Flash o QuickTime.

La fotografia immersiva richiede uno studio della composizione della scena, un attenta analisi del punto di scatto compreso il pavimento [tecnicamente punto di nadir], ed una fase di post-produzione impegnativa e certamente non trascurabile.

Appresi i concetti base, sia pur nelle loro forme più elementari, sarete in grado di realizzare ottime panoramiche in grado di stupire chiunque.

Prima di comincaire il persorso di studio della fotografia immersiva, vi progongo una foto da me scattata, che potete vedere insieme a molte altre nella galleria tematica. Questa immagine costituirà il nostro punto di partenza ...e di arrivo durante tutte l'analisi dei diverse fasi di lavoro.

 

Come all'inizio ho enunciato, questo articolo è propedeutico a quelli che seguiranno. Qui mi limiterò a descrivere i passaggi fondamentali per la realizzazione di una foto immersiva, lasciando i dettagli operativi a specifici articoli. I link degli articoli saranno attivati appena disponibili.

 

Negli articoli farò riferimento alla mia attrezzatura in mio possesso, ma i cencetti descritto sono applicabili indipendentemente l'attrezzatura scelta.

 

 

Elenco articoli ed argomenti trattati

 

 

L'esecuzione degli scatti

  • Attrezzatura impiegata
  • Il punto nodale
  • Preparazione della macchina fotografica per gli scatti
  • Esecuzione degli scatti

 

Preparazione delle immagini

  • Introduzione
  • Un efficace trucco

 

Lo stitching delle immagini con PtGui

  • Introduzione
  • Il software di stitching
  • Importazione delle immagini
  • Allineamento delle immagini
  • Ricerca manuale dei punti di giunzione
  • Optimizer
  • Control Points
  • Panorama Editor
  • Creazione del panorama
  • PtGui Batch Stitcher
  • Risultato finale
  • Elaborazione in Photoshop

 

Ricerca automatica dei punti di giunzione

 

Le facce del cubo

  • Importazione dell'immagine
  • Parametri di apertura
  • Importazione dell'immagine equirettangolare nelle facce del cubo
  • Correzione in Photoshop della faccia del cubo corrispondente al punto di nadir
  • Importazione delle facce del cubo
  • Esportazione del cubo in file multimediale
  • Editor interface
  • Formato multimediale Flash
  • Formato multimediale QuickTime
  • Immagine panoramica definitiva

 

Il pianeta panoramica

  • Importazione dell'immagine
  • Creazione del pianeta panoramico

 

 

L'immagine di partenza ...e di arrivo

Prima di presentare le singole immagini che andranno formare la panoramica, voglio mostrare il risultato finale di tutto questo lavoro.

L'immagine sotto è una panoramica equirettangolare 360° x 180° ottenuta dalla fusione di otto immagini.

Ora ripercorreremo tutti i passaggi che hanno permesso di raggiungere questo risultato.

 

Immagine panoramica equirettangolare 360° x 180° ottenuta attraverso lo stitching di 8 singole immagini

Torna all'inizio

 

Gli otto scatti di partenza

Il primo passo per realizzare un immagine immersiva è certamente il posizionamento del tripede prestando molta attenzione alle ombre che si producono dallo stesso sul terreno, mentre un secondo e non trascurabile aspetto da controllare è il posizionamento della macchina fotografica perfettamente in bolla. Trascurando queste operazioni preliminari la qualità di una fotografia immersiva può risultare irrimediabilmente compromessa.

Ora siamo pronti per eseguire una serie di sei scatti sul piano orizzonatale ogni 60° in modo da coprire tutti i 360° dell'orizzonte, al quale ne vanno aggiungiunti uno in alto [zenith] ed uno in basso [nadir].

Con una serie di 8 scatti è possibile fotografe tutta la sfera che circonda il punto di ripresa, e siamo in grado di realizzare una fotografia immersiva.

 

Ogni scatto presenta una parte sovrapponibile con lo scatto precedente e quello successivo. Questa parte dell'immagine servirà al programma di fusione [stitching software] per eseguire una corretta fusione delle immagini tra loro.

Personalmente sulle sei foto scattate eseguo subito rimozione delle ombre del cavalletto, ed eventualmente di altri elementi indesiderati [oggetti che disturbano la scena ed eventualmente anche persone, se necessario] presenti nelle sei fotografie. Per esperienza eseguo questa operazione di rimozione prima della giunzione delle immagini per avere delle immagini pulite prima di eseguire la fusione.

E' importante ricordare che in questa fase si deve operare sulle immagini singole solo sulla rimozione degli elementi indesiderati, ma non modificare la luminosità ed il contrasto delle singole immagini, anche se esse presentano delle imperfezioni.

 

Per lo stitching delle immagini utilizzo PtGui, che considero uno dei miglior programma per questo tipo di applicazioni.

Il programma di stitching si occupa di fondere insieme alle 6 immegini orizzontali l'immagine scattata in alto [zenith], ma molto spesso dobbiamo manulmente trovare ed assegnare i punti di giunzione tra una o più foto orizzontali e la foto allo zenith, affinche lo stitching sia corretto e non presenti evidenti punti di giunzione.

Ora lasciamo il lavoro di stitching al programma ed attendiamo che produca il risultato atteso, ricordandoci sempre di salvare l'output generato alla massima risoluzione.

 

Per il punto verso il basso [nadir], lo stitching presenta maggiori difficoltà poichè inevitabilmente andiamo a scattare dove è posto il cavalletto sul quale abbiamo posizionato la macchina fotografica. Con un pò di esperienza e la conoscenza di qualche trucco è possibile ottenere una giunzione perfetta anche sul punto del nadir.

 

L'output generato è un immagine equirettangolare con una striscia irregolare sul fondo dell'immagine. Quell'area nera costituisce l'area del punto del nadir che dobbiamo sostituire con l'immagine che abbiamo scattato.

 

Ora sull'immagine equirettangolare è possibile operare tutte le necessarie operazioni necessarie per migliorarne la qualità: luminosità, saturazione, luci/ombre, contrato, ecc... Spesso quando utilizzo le curve a gli altri strumenti di Photoshop salvo i valori utilizzati in file estreno riutilzzabile. Il file salvato sarà molto utile durante la successiva fase di giunzione del punto del nadir, affinchè anche ad esse vengano appliacati gli stessi valori di correzione utuilizzati per l'immagine equirettangolare.

 

Gli otto scatti realizzati con Nikon D300 e Nikon 10.5mm fisheye su testa panoramica Manfrotto 303Plus.

Le ultime due immagini a destra sono rispettivamente lo scatto allo zenith e lo scatto al nadir.

Torna all'inizio

 

Le facce del cubo

A questo punto si pone una domanda come convertire un immagine equirettangolare in cubo a sei facce? Pano2VR è un ottimo programma di conversione dei file in Flash e QuickTime sia per Mac che per Win e che consente anche trasformare un immagine equirettangolare in un cubo a sei facce.

 

Elaboriamo la faccia del cibo che corrisponde al nadir, facilmente riconoscibile dal cerchio privo di immagine in esso contenuto. Photshop ci è di aiuto per risolvere il problema. Ritagliando l'immagine originale scattata al punto nadir ed utilizzando gli strumenti di trasformazione ed altera immagine, timbro clone e quanto Photoshop ci mette a disposizione per questo tipo di elaborazioni, riusciamo a fondere la faccia del cubo del nadir con l'immagine originale. Il livello di complessità di questa elaborazione è direttamente proporzionale alla complessita del pavimento che andiamo ad elaborare. Un area sabbiosa, liscia e senza asperita si può fondere con pochi click del muose, viceversa la presenza di elementi molto dettagliati che non ammettono il minimo errore di giunzione, può impegnare parecchio tempo per realizzare una buona giunzione.

 

Le sei facce del cubo dopo l'elaborazione con Pano2VR.

Torna all'inizio

 

Stiamo giungendo alla fine del nostro lavoro.

Tutte le facce del cubo sono pronte per conversione in Flash o QuickTime per una navigazione virtuale del nostro lavoro, oppure possiamo convertire il cubo per una visione equirettangolare delle immagini raccolte.

Qualsiasi sia la preferenza, le facce del cubo sono pronte per regalarci l'emozione di una ripresa a 360°!

 

La creazione dell'immagine virtuale

Stiamo giungendo alla fine del nostro lavoro.

Tutte le facce del cubo sono pronte per conversione in Flash o QuickTime per una navigazione virtuale del nostro lavoro, oppure possiamo convertire il cubo per una visione equirettangolare delle immagini.

 

 

Torna all'inizio

 

Nel mio sito per la visualizzazione dei file multimediali ho utilizzato un player basato su Adobe Plash, poichè Adobe Flash è un plug-in cross-platform che garantisce una diffusione pressochè totale su tutti i computer utilizzati. Questo non esclude che sia possibile creare file multimediali interattivi basato anche su Apple QuickTime. In questa pagina introduttiva ho pubblicato lo stesso file sia nella versione in Adobe Flash a sinistra, sia in versione QuickTime a destra.

 

Conclusioni

Abbiamo descritto in maniera sintetica il processo di creazione di immagine panoramica equirettangolare ed abbiamo generato i files multimediali per una esperienza interattiva veramente unica.

Ora abbiamo le basi e le conoscenze necessarie per approfondire tutti gli argomenti esposti.

 

 

Articoli correlati

L'esecuzione degli scatti

Preparazione delle immagini

Lo stitching delle immagini

Le facce del cubo

Ricerca automatica dei punti di giunzione

Il pianeta panoramico